I musicisti del Festival altre|risonanze

Andrea Riderelli

direttore ensemble altrerisonanze
Nato a Roma nel 1961, Andrea Riderelli ha compiuto gli studi musicali di Canto Gregoriano, Composizione e Direzione Polifonica diplomandosi nel 1992 col titolo di Magister in Canto Gregoriano conseguito con “Magna cum laude” presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra a Roma sotto la guida di Bonifacio Baroffio (Canto Gregoriano), di Vieri Tosatti (Composizione) e di Domenico Bartolucci (Direzione Polifonica). Ha successivamente studiato Direzione d’Orchestra prima con Nicola Samale (Bisceglie 1989) continuando poi con Severino Zannerini (Trieste 1989), Hans Priem-Bergrath, Ferenc Nagy (Roma 1989) e con Erwin Acel (Oradea 1989, Roma 1990 – Borsa di studio AMOR), per perfezionarsi infine con Ludovic Bacs all’Università di Musica di Bucarest (Bucarest 1990-1993). Sempre presso l’Università di Musica di Bucarest ha frequentato la Specializzazione Universitaria in Composizione con Nicolae Coman, in Contrappunto e Semiotica Musicale con Dinu Ciocan e Lettura della Partitura con Iosif Csire. E’ stato tra i membri fondatori del gruppo vocale “Melos Antiquum” specializzato nel repertorio liturgico gregoriano e ambrosiano ed è stato membro del gruppo “Kantores 88” guidato da Bonifacio Baroffio. Nel 2004 fonda, insieme alla clavicembalista Cipriana Smarandescu, l’ensemble aliusmodum che si specializza principalmente nel repertorio barocco, mentre nel 2008 fonda l’ensemble altrerisonanze con l’intento di dare voce a un particolare repertorio del Novecento e del XXI Secolo. Su invito dell’Associazione “Monumenta Musices” ha trascritto ed elaborato il “Magnificat” in Re Magg. Per Soli, Coro, Orchestra e Continuo di Lorenzo Baini eseguito poi a Rieti e a Roma (1989). Sue composizioni sono state presentate alla RAI Radio Televisione Italiana (1987, 1988, 1992), mentre il 2 dicembre 1990 a Roma, per il ciclo “Salotti Musicali 1990” tenutosi a Palazzo Barberini, è stato presentato in prima esecuzione assoluta “Klage” su testo di Georg Trakl. Nel 1991 è stato invitato a partecipare in veste di compositore al Primo Festival Internazionale di Musica Nuova svoltosi a Chisinau (Repubblica Moldova) dove è stato interpretato “Ali”, un ciclo di liriche per soprano e pianoforte su testi propri. Ha svolto la sua prima parte d’attività direttoriale in Romania dove ha diretto concerti in tutte le sue più importanti filarmoniche. Tra gli atri, meritano senz’altro menzione i concerti svolti presso la Radio Diffusione Rumena di Bucarest e la Filarmonica “George Enescu” di Bucarest dove – tra le altre proposte musicali – sono state presentate in prima assoluta nazionale opere di compositori contemporanei e del novecento. Di gusti piuttosto lontani dal costume del proprio paese e molto più attratto dalla cultura germanica, come compositore ha prediletto il repertorio liederistico (con due esecuzioni alla RAI di due suoi cicli per voce e pianoforte – Ali [1987] e Fünf Neue Lieder [1990]) e come direttore quello barocco (Bach in primis), classico (Beethoven) e post-romantico (da Brahms – con le ultime tre sinfonie e “Ein Deutches Requiem” – a Richard Strauss – “Tod und Verklärung” e “Metamorphosen” – attraverso Wagner – “Wesendonk Lieder”, “Siegfried Idyll” e “Tristan und Isolde” – e Mahler – “Kindertoten Lieder”, “Adagietto dalla Quinta Sinfonia”, “Quarta Sinfonia” nella nuova propria versione per ensemble da camera). Da anni è attivo in campo didattico-musicale specializzandosi in metodologie di approccio alla musica correlate direttamente all’esperienza di base dello studente – dalla guida all’ascolto consapevole, all’apprendimento degli elementi costitutivi del linguaggio musicale applicato alla creazione estemporanea, oltre alle più classiche tematiche teoriche e pratiche quali solfeggio, armonia e composizione, pianoforte e musica d’insieme. Dal 2009 tiene il seminario “Musica ed emozione – Il linguaggio sonoro nel cinema” presso la NUCT Scuola Internazionale Cinema e Televisione a Cinecittà (Roma). Dal 2013 insegna Orchestrazione agli studenti del CESMA Centro Europeo per gli Studi in Musica e Acustica di Bioggio-Lugano in Svizzera. Dal 2004 ha intrapreso parallelamente la professione di Sound Engineer realizzando numerose registrazioni live di concerti in ambito classico. Nel 2008 realizza interamente per la aliusmodum records il Compact Disc “J.S. Bach: Invenzioni, Sinfonie e sei Piccoli Preludi” della clavicembalista Cipriana Smarandescu che riscuote un’ottima accoglienza dalla critica specializzata sia per l’aspetto artistico che per quello tecnico.
Nel 2014 ha registrato il nuovo Compact Disc della clavicembalista Cipriana Smarandescu dedicato al "Notenbüchlein für Anna Magdalena Bach" per la Continuo Records, mentre ha appena terminato (2015) di lavorare come Produttore Artistico al nuovo Compact Disc del pianista Daniele Adornetto per la Tactus Records dedicato al compositore Vieri Tosatti.

Cipriana Smarandescu

clavicembalo
Diplomata in clavicembalo con Patrizia Marisaldi (Vicenza) e Ogneanca Lefterescu (Bucarest), si è perfezionata con Ton Koopman, Andreas Staier, Patrick Ayrton, Pierre Hantaï. Vince vari concorsi tra cui quelli di Milano (Umanitaria), Pesaro (G.Gambi), ottenendo il diploma di partecipazione al concorso J.S. Bach (Lipsia).
Si è esibita in importanti stagioni in Italia, Spagna, Francia, Austria e Romania (Auditorium Parco della Musica, Oratorio del Gonfalone, Accademia di Romania, Pietà de Turchini, Festival dei Due Mondi, Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano, Real Acàdemia de San Fernando, Musique Ancienne a Saint Paul, Accademia Mozarteum, Radiodiffusione Rumena di Bucarerst, Filarmonica "G. Enescu"), registrando per RTV Rumena, Radio Vaticana, Sarx Records, Aliusmodum Records e Continuo Records. Nel 2009 è uscito il suo primo compact disc solistico con le Invenzioni, Sinfonie e Sei Piccoli Preludi di J.S. Bach. È invece recentissimo (2015) il suo secondo compact disc "Notenbüchlein für Anna Magdalena Bach" registrato insieme al baritono Furio Zanasi per l'etichetta Continuo Records,
Membro fondatore dell'ensemble aliusmodum, ha suonato sia come solista in vari concerti di J.S. Bach, G.Fr. Haendel, J. Haydn, che in qualità di continuista in compagnia di importanti nomi del mondo musicale barocco.
Si è laureata in musicologia con una tesi sulle Sonate per clavicembalo di Domenico Scarlatti e svolge l'attività didattica a Roma e in vari masterclass in Italia (Orte, Saracinesco, Anguillara).
Suona un clavicembalo costruito da Augusto Bonza nel 2000, copia del "Petit clavecin de Bellot le Père 1729"

Lavinia Bocu

mezzosoprano
Lavinia Bocu è nata a Cluj-Napoca (Romania) e si è diplomata in canto lirico all'Accademia di Musica "Gheorghe Dima" dalla stessa città sotto la guida della Maestra Ana Rusu. Durante gli anni di studio, Lavinia Bocu ha avuto come docenti celebri Maestri della Scuola romena di canto come Mariana Nicolesco (Romania 2004), Ionel Pantea (Romania 2005). A questi si aggiungono illustri artisti della scena lirica internazionale, come Verena Keller – Germania (2005). La partecipazione ai corsi di interpretazione operistica "Master Classes", nel Paese e all’estero, hanno aperto alla giovane mezzosoprano la strada verso il successo. Svolge un'ampia attività solistica che la vede impegnata in importanti città fra le quali: Budapest, Braunschweig, Berlino/Germania, Oslo, poi in Italia a Roma, Firenze, Napoli. Il suo repertorio corrisponde a quello tradizionale del "mezzosoprano leggero". Il repertorio classico interpretato corrisponde al timbro della sua voce ed abbraccia ruoli di opera. Esegue ruoli d'opera: Cherubino da Le Nozze di Figaro, Suzuki da Madama Butterfly, Maddalena da Rigoletto, Lola dalla Cavalleria Rusticana di Mascagni, e affianca al repertorio lirico anche quello della musica del ventesimo secolo, oratorio e lied. E’ stata più volte ospite di importanti organizzazioni e rassegne concertistiche. Aiutata dal suo particolare timbro vocale, Lavinia Bocu ha sostenuto numerosi concerti nel Paese ma anche all’estero (Germania, Italia, Ungheria), accompagnata da pianisti ed orchestre professionali. Nel 2005 è stata nominata dalla rivista “Flacara” nella categoria delle persone piu’ importanti dell’Anno, accanto a personalita’ di spicco del panorama musicale tra cui Gheorghe Zamfir e Tudor Gheorghe. Negli anni 2010 e 2011 riceve la medaglia e il diploma di "Ambasciatore Culturale" da parte della “Press Trust Ambasador" di Targu-Mures (Romania).

Foto per gentile concessione di Annette Schreyer

Furio Zanasi

baritono
Attualmente uno dei più riconosciuti specialisti in Europa del repertorio Monteverdiano e del Primo Seicento Italiano, si è esibito in tutti i più importanti Festival in Italia (Settembre Musica Torino; Festival Roma Europa, S.Maurizio in Milano, Fermo, Trento, Autunno Musicale di Como, Auditorium di Milano, Venezia, Festival Monteverdi Cremona, Festival del Clavicembalo a Roma, Feste Musicali Bolognesi, Accademia di S. Cecilia, Accademia Chigiana, Accademia Filarmonica di Roma, Auditorium Parco della Musica, etc.) e all’estero (Utrecht, Beaune, Bruges, Stuttgart, Versailles, Arsenal de Metz, Praga, Salle Gaveau e Salle Pleyel Paris, Wiener Konzerthaus, Folle Journée Nantes, Styriarte Graz, Festival di Edimburgo, Salzburg Festival, Siviglia, Quinzena de San Sebastian, Auditori de Barcelona, Fundatiao Gulbenkian, Londra Lufthansa Festival, Amsterdam Concertgebouw, Carnegie Hall, Festival Ambronay, Lisbona-Belem, Berkeley, Khioi Hall Tokio, USA, Cuba, Bolivia, Brasile, Argentina, Messico, Perù etc ) collaborando con Direttori quali René Jacobs, Jordi Savall, Alan Curtis, Gabriel Garrido, Maurizio Pollini, Ivor Bolton, Reinhard Goebel, Rinaldo Alessandrini, Alessandro De Marchi, Ottavio Dantone, Andrea Marcon, Philippe Herrewege, Thomas Hengelbrock, Diego Fasolis, Riccardo Chailly.
Dopo aver debuttato con il ruolo di Marcello ne “La Boheme” nel Concorso Battistini 1987 ha cantato per teatri quali: Opera di Roma, Bellini di Catania, Nuovo di Spoleto, Ponchielli Cremona, Grande di Brescia, Sociale Como, Petruzzelli Bari, Comunale Ferrara, Alighieri Ravenna, Fraschini Pavia, Reggio Emilia, Massimo di Palermo, Messina, Dresder Semper Oper, Liceu di Barcelona, Zarzuela de Madrid, Theater Basel, La Fenice, Teatro Regio Torino, Teatro di San Carlo, Staatsoper Muenchen, Festspielhaus Baden-Baden, Opera de Lyon, Hannover, Norske O. Oslo, La Scala, Vlaamse Opera, Opèra Garnier Paris, Opera de Bordeaux, La Monnaie, Theatre de Caen, Luxembourg, Lincoln Center NY, Teatro Colon, etc.
Si dedica inoltre al repertorio cameristico, con particolare attenzione al Lied tedesco.
Ha registrato per le principali emittenti radiofoniche europee e più di 80 dischi e DVD per diverse etichette discografiche, tra cui: Nuova Era, Symphonia, Dynamic, Stradivarius, Divox, Arts, Bongiovanni, Accord, Classico, Ricercar, Naxos, Chandos, Amadeus, K617, Opus 111, Opus Arte, Virgin, Aliavox, Zig Zag, Naive e Harmonia Mundi.

ensemble altrerisonanze

Per conseguire un'idea di complessità e completezza della musica, nel 2009 si è dato vita a un nuovo ensemble, una sorta di "costola" dell'ensemble aliusmodum, dedicato alla musica del Novecento e del Nuovo Secolo: altrerisonanze|musicaoggi.
Membro fondatore è ancora una volta Andrea Riderelli che, nella duplice veste di compositore e direttore, desidera proporre al pubblico un repertorio particolare, non banale e ancora non ben conosciuto, cercando di infrangere quella ostilità che negli ultimi cinquant'anni si è venuta a creare verso la troppo generica e abusata dicitura "musica contemporanea".
Come il "sottotitolo" vuole suggerire, "laboratorio di modernariato musicale", lo scopo primario dell'ensemble altre risonanze è quello di studiare, approfondire e portare al pubblico parte del repertorio del Novecento cosiddetto "storico" (che potrebbe oggi essere già considerato "modernariato") con composizioni scritte negli ultimi decenni sino al giorno d'oggi.

ALIUSensemble

Mauro Lopes Ferreira

violino
Nato a Roma, si dedica al violino con Felix Ayo e approfondisce lo studio della musica antica con Enrico Gatti e Sigisvald Kuijken. Inizia giovanissimo la sua attività con varie orchestre di musica barocca in Italia e in Francia; suona con Jordi Savall (Concert de Nations, Hespèrion XX), la Cappella dei Turchini, i Sonatori della Gioiosa Marca e il Concerto Italiano, sia in orchestra che in formazioni cameristiche, esibendosi nelle più prestigiose sale di tutto il mondo (Concertgebouw ad Amsterdam, Societé Philarmonique a Bruxelles, Accademia di Santa Cecilia a Roma, Cité de la Musique a Parigi, Arsenal a Metz, Lincoln Center a New York, Palau de la Musica a Barcellona, Teatro Colòn a Buenos Aires). Nel 2001 è stato invitato come primo violino dall'Orchestra Barocca di Siviglia. Ha registrato per la Opus 111, Armonia Mundi, Astrèe, Alia Vox, Sony. Ha Inciso per Naïve, le Quattro Stagioni di Vivaldi, dove ha interpretato come solista il concerto op. 8 n. 2 "l'Estate" sotto la direzione di Rinaldo Alessandrini.

Paolo Perrone

violino
Si diploma con ottimi voti in Violino (1994) e Musica da Camera (1996) presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma, si perfeziona in seguito in violino moderno e violino barocco con i maestri C. Chiarappa (1999-2004) ed E. Onofri (2007-2011), rispettivamente presso il Conservatorio della Svizzera Italiana e il Conservatorio di Palermo. Dopo una lunga esperienza quartettistica e una parentesi orchestrale (Orchestra di Roma e del Lazio, 2004), dal 2005 si dedica esclusivamente all'esecuzione storicamente informata del repertorio dei secoli XVII e XVIII. Ha al suo attivo una regolare attività come prima parte con i maggiori ensemble di musica barocca in Europa, tra cui Concerto Italiano, Concert des Nations, Divino Sospiro, Imaginarium, ed è primo violino solista di Concerto de' Cavalieri e di Concerto Romano, con i quali si è esibito nelle più importanti sale da concerto e festival di musica antica in Italia (tra i più importanti Accademia di S. Cecilia, Teatro Regio di Torino, MiTo, Perugia Musica Classica), Inghilterra (Lufthansa Festival), Francia (Salle Pleyel, Festival di Ambronay, Festival di Beaune), Germania (Händel-Festspiele Halle, Musikfest Bremen), Austria (Musikverein e Konzerthaus di Vienna), Belgio (Concertgebouw di Amsterdam), Portogallo (Centro Cultural de Belém, Fondação Gulbenkian), Spagna (Auditorio Nacional de Madrid), Polonia, Corea del Sud, Bulgaria, Colombia, Malta, Ucraina, Messico, ecc. Ha registrato numerosi dischi e registrazioni con Naïve Records, Deutsche Harmonia Mundi, Sony Music, CPO, Fuga Libera, Brillant Classics, Radio della Svizzera Italiana (RSI), Radio Vaticana, Stradivarius, Rai International, Sky, Mezzo, Radio France. Ha registrato la prima assoluta delle Sonate di Domenico Scarlatti per violino e basso continuo, pubblicata da Brilliant Classics.

David Simonacci

violino
Si diploma in violino e composizione al Conservatorio di "S. Cecilia" in Roma ed in pianoforte al Conservatorio "Alfredo Casella" dell'Aquila. Si è perfezionato con W. Marchner D. Lang, P.Dusapin, L. Andriessen e Trio di Trieste (come violinista dell'Helios Trio). Come solista e camerista (violinista o pianista) presenta al suo attivo numerosi concerti presso importanti associazioni concertistiche quali l'Accademia Filarmonica di Bologna, l'Accademia Musicale Napoletana, la Stagione dell'Auditorium del Massimo a Roma, il Festival Internazionale di Varsavia, il Festival di Rovigno (Croazia) il Festival dell'Accademia di Francia presso Villa Medici, il Festival de musique da chambre de Divonne, il Festival di musica da camera di Atterse Klassik di Salisburgo, il summer festival of chamber music di Paxton House ecc, eseguendo anche brani di autori contemporanei in prima esecuzione assoluta. In qualità di violino di spalla ha collaborato con: L'Orchestra Regionale del Lazio, L'Orchestra Mozart Sinfonietta, L'Orchestra Roma Sinfonietta, l'Orchestra In Canto, L'Orchestra da Camera Prometeo. É stato membro dell'ensemble di musica antica Concerto Italiano, con il quale ha effettuato tournee in tutto il mondo ed inciso per OPUS 111. Suona con numerosi ensemble di musica antica quali: Musica Antiqua Roma, Accademia Ottoboni, Insieme strumentale di Roma, Stradella Consort, L'Orchestra dell'Impresario, ecc. Per Brilliant Classics ha inciso l'integrale della musica per violino e pianoforte di J. Cage, ottenendo eccellenti recensioni in Italia ed all'estero su riviste specializzate (Amadeus, Le Monde De La Musique, ecc). Ha inciso altresì per VDM – RaiTrade musiche di autori contemporanei per quartetto d'archi.

Pietro Meldolesi

viola
Nato nel 1962, si è diplomato in violino al Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia nel 1985 sotto la guida di A. M. Cotogni e nel 1991 ha conseguito il Diploma di Perfezionamento con C. Romano presso l’Accademia Internazionale “L. Perosi” di Biella. Ha studiato inoltre flauto dolce con M. Miessen, K. Boeke e P. Capirci diplomandosi, sotto la guida di quest’ultimo, nel 1995 al Conservatorio “O. Respighi” di Latina. Come violinista, si è formato alla “Scuola di Musica di Fiesole” seguendo i Corsi di Qualificazione Professionale per Orchestra e di Musica da Camera con G. Prencipe, P. Farulli e il Trio di Trieste e partecipando alle tournées 1984 e 1987 dell’Orchestra Giovanile Italiana. Dal 1992 al 1998 ha preso parte, ricoprendo saltuariamente il ruolo di spalla dei secondi violini, alle stagioni dell’Orchestra Regionale del Lazio, con la quale ha suonato anche come solista di flauto dolce. In seguito si è dedicato esclusivamente alla musica antica e, come violinista, violista e flautista dolce, ha collaborato, anche in qualità di solista, con importanti complessi specializzati quali Concerto Italiano, Modo Antiquo, Accademia per Musica, Camerata Anxanum, Insieme Strumentale di Roma, Il Complesso Barocco, Ensemble Aurora ecc. Ha suonato in importanti festival e stagioni concertistiche in Italia e all’estero. Ha inciso per Stradivarius, Bongiovanni, Opus 111, Musica Immagine, Capriccio, Naïve ed altre etichette. Attualmente è docente di flauto dolce al Conservatorio “A. Casella” di L’Aquila.

Francesco Peverini

viola
Comincia lo studio del violino all'età di cinque anni, proseguendo la sua formazione presso il Conservatorio di Musica "S.Cecilia" dove si diploma con il massimo dei voti e la lode, sotto la guida di A. Redditi, nel 1994. Contemporaneamente frequenta il corso triennale di musica da camera con il M. Lenzi diplomandosi con il massimo dei voti. Vincitore di numerosi premi e riconoscimenti (Borsa di studio indetta dalla SIAE per i migliori allievi dei Conservatori italiani, Premio "Marcello Intendente" quale migliore diplomato del 1994, Concorso biennale di violino "Città di Vittorio Veneto"), si perfeziona in seguito alla "Hochschule für Musik und Darstellende Kunst" di Vienna con E. Melkus, a Cremona presso la "Fondazione Walter Stauffer" con S. Accardo e all' "Accademia Internazionale di S. Cecilia" con F. Ayo. Segue inoltre le masterclasses di R. Brengola e U. Ughi presso L'Accademia Chigiana di Siena, dove viene scelto per partecipare al "Moonbeach Music Festival" di Okinawa (Giappone) dove tornerà anche nel 1997 con il Conservatorio "S. Cecilia" di Roma, quale rappresentante dei Conservatori italiani. Fino al 2004 ha affiancato all'attività solistica, che lo ha portato ad esibirsi più volte in Canada, Austria, Russia, Medio Oriente, quella cameristica quale primo violino del "Quartetto Prometeo" con il quale ha vinto numerosi concorsi internazionali tra cui: primo premio alla 50°edizione del "Prague Spring International Music Competition" nel 1998, secondo premio al concorso di Bordeaux e il premio Tomastik nel 1999. Con questa formazione ha suonato regolarmente per prestigiose società concertistiche tra cui: Wigmore Hall di Londra, Salle Cortot e Musèe D'Orsay di Parigi, Accademia di S.Cecilia di Roma, Teatro La Pergola di Firenze, Società del Quartetto di Milano, Società Alessandro Scarlatti di Napoli, Accademia Chigiana di Siena e “Ensemble Alter Ego” (suonando in prima esecuzione assoluta numerose composizioni ed effettuando numerose registrazioni per la casa discografica "Stradivarius", Radio Tre Rai, BBC di Londra e di Belfast). Collabora con varie orchestre, tra cui l'Orchestra da Camera Italiana, l'Orchestra Regionale del Lazio, la "Wiener Akademie" di Vienna (su strumenti originali), l'Orchestra Filarmonica "A.Toscanini" di Parma, la Mahler Chamber Orchestra, sotto la direzione di grandi Direttori d'orchestra quali: C.Abbado, M.Rostropovich, S.Accardo, G.Pretre ecc. E' stato docente di quartetto d'archi presso la "Scuola di musica di Fiesole" e ha tenuto Master Classes all' "Orlando Festival 2000" (Olanda). Suona un prestigioso violino "Carlo Antonio Testore” del 1727

Gianfranco Russo

viola
Violista, si è dedicato allo studio della prassi esecutiva su strumenti originali seguendo corsi e seminari di S. Kuijken, E. Gatti, E. Moreno. Nel campo barocco ha al suo attivo collaborazioni con i migliori gruppi e artisti europei. Ha tenuto concerti nelle più prestigiose rassegne e festival di musica antica in Italia, Francia, Germania, Olanda, Belgio, Svizzera, Spagna, Austria, Portogallo, Slovenia, Croazia, Libano, Grecia, Turchia. Ha inciso per Deutsche Grammophon, EMI, Harmonia Mundi, Virgin, K617, Tactus, Stradivarius, Symphonia, Bongiovanni, Musicaimmagine, III Millennio. Ha eseguito concerti per Rai, Radio France, Radio Nacional de España, Radio Austriaca (ORF) e per la Radio Televisione Tedesca, Belga, Portoghese, Giapponese, Olandese, Slovena e Greca. Specializzato nella prassi degli strumenti ad arco medievali e rinascimentali, ha realizzato nel 2003 per la Televisione Giapponese uno speciale su "Leonardo da Vinci e la lira da braccio". Ha collaborato a programmi radiofonici sulla musica e la cultura nel Medioevo di Rai-Radio3 e Rai International. Ha tenuto conferenze presso università e conservatori di musica sulla storia e l'evoluzione degli strumenti ad arco dal Medioevo al XVII secolo. Ha pubblicato sulle riviste Avvenimenti e Orfeo. Dal 1996 dirige i laboratori di musica d'insieme medievale e rinascimentale presso il Centro di Pratica Musicale di Roma.

Luca Peverini

violoncello
Nato a Roma, è diplomato presso il Conservatorio di musica "Santa Cecilia" di Roma sotto la guida del Maestro Francesco Strano. In seguito si è perfezionato con Amedeo Baldovino, Radu Aldulescu, Mirel Jancovici, Christoph Coin e Riccardo Brengola per la musica da camera. Nel 1986 è vincitore al primo premio con menzione d'onore al concorso Internazionale di Musica per Giovani "Città di Stresa". Nel 1990 l'Accademia Musicale Chigiana gli ha conferito il diploma d'onore quale migliore allievo del corso di musica da camera. Nel 1992 si diploma presso il Rijshogeschool Maastricht faculteit muziek Conservatorium voon Muziek. Attualmente è primo violoncello e violoncello solista dell'Orchestra da camera Concerto Italiano diretta da Rinaldo Alessandrini, specializzata nell'esecuzione di musica antica con strumenti originali, con la quale ha effettuato tournèe nei principali teatri del Sud America, Stati Uniti, Europa. Ha suonato in qualità di violoncello continuista per: Teatro San Carlo di Napoli, Teatro Comunale di Bologna Teatro dell'Opera di Roma, Teatro Regionale Valli di Reggio Emilia. Attualme. Ha effettuato incisioni in esclusiva con l'etichetta discografica "Opus 111" ottenendo numerosi premi tra cui due Grand Prix du Disque, Diapason D'Oro, e due Gramophone Awards. Ha fondato insieme al violinista Giorgio Sasso l'Insieme Strumentale di Roma prediligendo il repertorio barocco italiano. É membro del Freon Ensemble, specializzato nello studio e nell'esecuzione della musica moderna e contemporanea, con il quale ha direttamente collaborato con autori quali: Crumb, Fedele, Pennisi, Corghi, Clementi, esibendosi presso l'Accademia di Santa Cecilia, Accademia Filarmonica Romana, Scuola Civica di Milano, Ass. Scarlatti di Napoli.

Diego Roncalli

violoncello
Nato a Roma, si è diplomato in violoncello con il massimo dei voti nel 1989 al Conservatorio "F. Morlacchi" di Perugia, perfezionandosi poi sotto la guida di Amedeo Baldovino per il violoncello e del Trio di Trieste per la musica da camera alla Scuola di Musica di Fiesole e, più tardi, al Conservatorio "Rimskij-Korsakov" di San Pietroburgo con Anatolij P. Nikitin e a Londra, con William Pleeth. Ha studiato la viola da gamba con Roberto Gini alla Civica Scuola di Musica di Milano e svolge la propria attività come violoncellista e violista da gamba in tutto il mondo con complessi quali l'Ensemble Concerto, Concerto Discantico di Milano, Il Viaggio Musicale, l'Ensemble Barocco Italiano ecc. Dal 2000 suona stabilmente in Concerto Italiano, sotto la direzione di Rinaldo Alessandrini. Attualmente insegna musica da camera presso il Conservatorio "A. Casella" de L'Aquila.

Igor Barbaro

contrabbasso
Inizia da subito a giocare con la musica. Riceve i primi insegnamenti musicali direttamente dalla madre, batterista jazz, e si prepara ad una vita musicale a tutto tondo. Musicista poliedrico con un facilissimo approccio verso ogni tipo di genere musicale, forma il primo gruppo musicale all'età di quattordici anni. Da li in poi è un susseguirsi di concerti e registrazioni prima come bassista, contrabbassista e poi come chitarrista, militando in varie formazioni dal rock blues al funky, al jazz, ecc. Nel 1991 forma la sua band principale con la quale incide due cd di musiche originali da lui composte e arrangiate. Partecipa ai più importanti festival rock-blues. Forma un duo chitarra e voce insieme al cantante armonicista Chicago Beau. Nel 2001 si diploma in contrabbasso presso il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia e inizia subito a lavorare con l'orchestra dell'Umbria presso il Teatro Morlacchi. Dal 2001 al 2004 partecipa come primo contrabbasso al Festival Barocco presso il Teatro dell'Unione di Viterbo. Vincitore di concorso entra come primo contrabbasso nell'Orchestra Sinfonica di Roma. Collabora con l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia e con il Teatro dell'Opera di Roma. Nel 2006 entra nel gruppo da camera de I Solisti Aquilani e collabora con l'Orchestra Haydn di Bolzano partecipando a festivals internazionali e suonando nelle più prestigiose sale da concerto. Il suo contrabbasso è un P. Parravicini del 1924 cremonese, restaurato dal Mº Sergio Gregorat.

Pierluigi Tabachin

flauto e traversiere
Si è diplomato al conservatorio di Padova con Marianne Fischer, arricchendo inoltre la sua formazione con, tra gli altri, Raymond Guiot e André Jaunet. Come solista ed in diverse formazioni cameristiche ha tenuto concerti per importanti festivals e istituzioni di Europa e Stati Uniti (Biennale di Venezia, Festival di Villa Medici a Roma, Accademia Sibelius di Helsinky, Neue Musik di Friburgo, stagione della Radio di Bratislava, MIT di Boston). Appassionato di musica antica, da diversi anni si dedica all'esecuzione del repertorio barocco e classico con strumenti originali, collaborando tra gli altri con orchestre quali "La Stagione Armonica" di Sergio Balestracci e "Il Complesso Barocco " di Alan Curtis. Compare in diversi CD che vanno dal repertorio con strumenti antichi alle composizioni di autori contemporanei. Impegnato da sempre nella didattica, dopo una pluriennale esperienza nelle medie ad indirizzo musicale è passato all'insegnamento nei Conservatori: attualmente è titolare della cattedra di flauto al Conservatorio "L. Refice" di Frosinone.

Stefania Mercuri

oboe e corno inglese
Ha intrapreso lo studio dell'oboe nel 1985 con il Maestro Bruno Incagnoli e si è diplomata brillantemente in soli cinque anni al Conservatorio di Musica di Stato " L. Refice " di Frosinone come privatista. Perfezionata sotto la guida del Maestro Luca Vignali, ha inoltre frequentato i corsi tenuti dal Mº Thomas Indermühle presso la Scuola di Musica di Fiesole e i Corsi liberi di specializzazione musicale tenuti dal Maestro Augusto Loppi all'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Nel 2006 si è laureata con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio di S. Cecilia di Roma con una tesi dal titolo "Storia del Concerto K314 per oboe e orchestra di W. A. Mozart attraverso le lettere". Svolge attività concertistica da solista, in varie formazioni cameristiche ed orchestrali. É stata membro di diversi gruppi quali l' Orchestra da Camera Sabina, il Trio di Fiati dell'Umbria, il Farfensemble con il quale ha partecipato a Roma al XVI Festival di Musica Verticale. Ha partecipato come solista alla XXXII Ed. del Festival dei Due Mondi di Spoleto. Collabora alle stagioni concertistiche dell'Associazione Oratorio del Gonfalone come primo Oboe dell'Orchestra e come solista. Ha inoltre partecipato nel 2006 ai concerti al Palazzo del Quirinale in diretta su Radio 3 con l'Ensemble Nuovarmonia. É membro del Gruppo di Fiati del Gonfalone e del quintetto di fiati "Momus Ensemble". Dal 1993 collabora con l'Orchestra Sinfonica dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Collabora con l'Orchestra Regionale del Lazio, con l'Orchestra Sinfonica di Roma della Fondazione Cassa di Risparmio di Roma, l'Accademia Filarmonica Romana, con l'Orchestra Sinfonica della Fondazione Arturo Toscanini di Parma e con il Teatro dell'Opera di Roma.

Fabio Morbidelli

fagotto
Ha studiato presso il Conservatorio di S. Cecilia in Roma, dove si è diplomato in Fagotto nel 1987 sotto la guida del Mº A. Poleggi e in Musica da Camera nel 1994 sotto la guida del Mº L. Cerroni, ha seguito importanti corsi di perfezionamento strumentale e qualificazione orchestrale. Ha conseguito il Diploma Superiore in Discipline Musicali (Laurea Specialistica) presso il Conservatorio di Roma nell'Anno Accademico 2005/06. Ha collaborato come fagottista e conrtofagottista con numerose orchestre quali: Rai di Roma, "Toscanini" di Parma, "Haydn" di Bolzano, Accademia Nazionale di S. Cecilia, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, Orchestra della Toscana, Orchestra Regionale del Lazio, Orchestra Filarmonica Marchigiana, "International Chamber Ensemble" e altre. Dal 1992 ricopre il posto di Contro-fagotto nell'Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma. Svolge attività concertistica in Italia e all'estero in svariate formazioni cameristiche sia come fagottista che contro-Fagottista.

Alessio Bernardi

corno
Si diploma in corno nel 1991 presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma sotto la guida del Mº L. Giuliani. In seguito ha frequentato le masterclass annuali con i maestri G.Corti e A. Allegrini. Vincitore di varie audizioni e concorsi, ha collaborato con alcune delle più eccellenti orchestre ed istituzioni tra cui l'Orchestra della RAI di Roma, l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, I Virtuosi di Santa Cecilia, I Cameristi di Roma, l'Orchestra da Camera Italiana del Mº S. Accardo, il Teatro Bellini di Catania, Sala Nervi in Vaticano, ed all'estero (Tokio, Kyoto, Mosca, Londra, Parigi, Kracovia), ecc... sotto la direzione di G. Gelmetti, C.M. Giulini ed altri. Ultimamente è stato invitato dalla Ulster Orchestra a ricoprire il ruolo di primo Corno. Ha effettuato diversi concerti in diretta RAI fra cui un concerto in quintetto per Papa Giovanni Paolo II in mondovisione dalla Basilica di San Pietro in Roma. Dal 1997 è elemento stabile dell'Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma con cui ha effettuato diverse tournèe e concerti in Italia e all'estero.

Giulia Mazzilli

percussioni
Comincia ad avvicinarsi al mondo delle percussioni all’età di 5 anni. Nel novembre 2007, risultando prima idonea, è ammessa alla classe di percussioni del conservatorio di musica “Santa Cecilia” di Roma. Durante la sua frequentazione in conservatorio prende parte a varie iniziative, promosse dallo stesso, tra cui una felice collaborazione con il PMCE – Parco della Musica Contemporanea Ensemble. Il 9 marzo 2015 si diploma in Strumenti a Percussione con voto 10 e lode. Dal novembre 2015 inizia a suonare con l’Orchestra Regionale della Toscana e con il Teatro dell’Opera di Roma. Collabora anche con l’Orchestra Leonore (Fondazione Promusica Pistoiese) e la Sinfonica Abbruzzese. Frequenta il corso di Alta Formazione dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per percussioni, tenuto dal maestro Edoardo Giachino. A febbraio 2016 partecipa al concorso nella Banda della Guardia della Finanza, per la parte di primi piatti, qualificandosi idonea.

Alvaro Lopes Ferreira

pianoforte
Álvaro Lopes Ferreira si è diplomato presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma con il massimo dei voti, proseguendo poi gli studi con Lya de Barberiis, Luciano Gante e Giuseppe Scotese. Ha frequentato il corso di perfezionamento in musica d'insieme dell'Accademia Nazionale di S. Cecilia, diplomandosi con Riccardo Brengola. La sua attività concertistica include liederistica, musica da camera con archi e con fiati, con le percussioni, con gli strumenti a plettro, e annovera collaborazioni con l'ensemble Ars Ludi in produzioni di musica contemporanea e la direzione dell'orchestra mandolinistica Costantino Bertucci. Si dedica da anni alla divulgazione della musica di autori portoghesi di cui ha presentato in Italia numerose prime esecuzioni, edite in CD. Ha registrato per la Radio Vaticano e inciso, per la QBForme, la musica di Raffaele Calace per mandolino, mandoloncello e pianoforte. É titolare della cattedra di musica da camera presso il conservatorio Alfredo Casella dell'Aquila.