L'Accademia di Romania in Roma e l'Associazione Aliusmodum organizzano, dopo il grande successo delle prime quattro edizioni, la Quinta Edizione del Festival Internazionale "Altrerisonanze - dall'antico al moderno, tra il rumeno e l'universale", un evento di respiro internazionale che si svolgerà a Roma nell'arco di tre domeniche tra il 16 e il 30 ottobre 2016 con il sostegno dell'Istituto Culturale Rumeno di Bucarest. Avendo a disposizione anche la collaborazione di altre associazioni musicali italiane (Incontri Mediterranei – Orte, Continuo Records, Scatola Sonora), l'edizione di quest'anno desidera integrare lo spirito rumeno con quello universale, permeando i tre concerti di questa caratteristica.

Nel primo concerto del 16 ottobre 2016, intitolato ...toccata... (da "il Transilvano" a Paul Constantinescu), la clavicembalista Cipriana Smarandescu sarà protagonista di un programma virtuosistico e cantabile nello stesso tempo.

Nel secondo concerto del 23 ottobre dal titolo ...viaggi musicali... proposti da ALIUSensemble, il mezzosoprano Lavinia Bocu e la clavicembalista Cipriana Smarandescu farà una sosta nella musica di Franz Joseph Haydn e Daniel Speer.

La chiusura del festival vedrà il 30 ottobre, nella bellissima cornice dell'Oratorio del Caravita, una nuova serie di trascrizioni per ensemble da camera realizzate appositamente da Andrea Riderelli, in un concerto intitolato ...enescu nella magia europea.... L'ensemble altrerisonanze, diretto da Andrea Riderelli e il baritono Furio Zanasi come solista, eseguiranno musiche di George Enescu, Paul Constantinescu e Gustav Mahler.

16 ottobre 2016
Accademia di Romania
Viale delle Belle Arti 110, Roma
Sala Esposizioni
ore 20:00

…toccata…

da "il Transilvano" a Paul Constantinescu. Il concerto presenta un excursus nel mondo del grande virtuosismo della toccata, genere molto spesso ritrovato nella letteratura per clavicembalo. Il periplo che parte nella Transilvania del XVI secolo, con le Toccate dal trattato "Il Transilvano" di Girolamo Diruta, passando attraverso le opere virtuosistiche di Girolamo Frescobaldi, Louis Couperin, Johann Jakob Froberger, Pancrace Royer, Domenico Scarlatti, Johann Sebastian Bach, per concludere nella cultura musicale rumena del XX secolo con "Toco-Toccatina" e un Tema con variazioni di Paul Constantinescu.

23 ottobre 2016
Accademia di Romania
P.za José de San Martin 1, Roma
Sala Concerti
ore 20:00

…viaggi musicali…

Grazie a una distribuzione solistica rumena già nota al pubblico italiano, la mezzosoprano Lavinia Bocu e la clavicembalista Cipriana Smarandescu, presenteranno un programma che include frammenti dalla Suite "Musikalisch Türckischer Eulen-Spiegel" di Daniel Speer e tre opere di Franz Joseph Haydn: la Cantata "Arianna a Naxos", il Concerto per clavicembalo e archi in Re Maggiore e la Sinfonia "La Sorpresa" (nella versione cameristica, "tascabile", firmata Johann Peter Salomon). Insieme alle due soliste, il gruppo ALIUSensemble rappresenta una nuova linea stilistica (tardo barocco, stile galante e primo classicismo), i cui membri sono tutti musicisti specializzati in questo repertorio, suonando su strumenti originali o copie, con una adeguata accordatura.

30 ottobre 2016
Oratorio del Caravita
Via del Caravita 7A, Roma
Traversa di Via del Corso
ore 21:00

…enescu nella magia europea…

Come naturale seguito al successo nelle edizioni precedenti del festival delle trascrizioni per ensemble da camera di alcuni importantissime opere di Gustav Mahler e di molte opere della letteratura musicale rumena del Novecento (pagine appartenenti a George Enescu, Constantin Silvestri, Theodor Rogalski), Andrea Riderelli, in duplice veste di "orchestratore" e direttore del valido ensemble altrerisonanze, propone anche quest'anno una simile linea di repertorio: la Prima Rapsodia Rumena di George Enescu, le "Sept Chansons de Clément Marot", Op.15 (intrise di quel sapore francese ben fuso con quello rumeno nel tipico e personale stile di Enescu), il "Cântec" di Paul Constantinescu (vera e propria collezione di citazioni dal folclore rumeno) e infine i Lieder di Gustav Mahler dal ciclo "Des Knaben Wundenhorn" (lavoro con radici nella mitologia popolare tedesca). Protagonista solista dei Lieder di questa serata sarà il celebre baritono Furio Zanasi